NASCONDERE QUALCOSA

"Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto" (Calvino)

Anche di questo è fatto

Storia di Ada

Storia di Ada  di Carlo Cassola, Einaudi, con un bel ritratto di Matisse in copertina. L’ho trovato ieri in una libreria antiquaria. Sfogliato, mi è parso scorrevole, dolce, semplice. Lo leggerò.

Ma non è per questo che l’ho preso. Nel risguardo, c’era una dedica. Eccola.

Dedica

Non sapremo mai chi era Nicoletta che voleva bene a qualcuno anche se non sembra, né sapremo mai chi era l’oggetto di questo affetto muto e forse un po’ brusco: un fratello, una sorella, un nipote, un amico, un’amica? O forse un figlio, una figlia, con cui le parole d’amore erano difficili e sghembe come a volte succede? (Nicoletta quindi era una madre moderna di quelle che nemmeno si firmano “mamma”)?

Questa persona compiva davvero vent’anni o era solo una battuta? Me lo fa credere quel 20 sottolineato con ironia, quegli anni non del tutto persi, come se a qualsiasi età i vent’anni fossero ancora dentro, mai completamente perduti, anni fieri e ritti come soldati a far da sentinella a tenerezze ed antichi sogni. E dunque poteva essere un vecchio, una vecchia, un genitore, la persona a cui Nicoletta non dimostrava abbastanza il suo affetto?

E che ne è stato di Nicoletta e di chi compiva i suoi vent’anni veri o fantasticati?

Stringo questo libro e mi sorprendo a pensare che ne sono passati quarantanove, mio dio, quarantanove, un tempo infinito e brevissimo, un lampo eterno, bastevole a morire e a rinascere e morire di nuovo, all’accadere di migliaia di cose o nemmeno di una.

Forse la sconosciuta Nicoletta non c’è più, né la persona che ricevette il dono, ma oggi sono io che lo tengo in mano, e il 27 marzo 1967 mi torna vivo col suo messaggio dolce ed ignoto.

Anche di questo è fatto il miracolo dei libri.

Luisella

Annunci

3 commenti su “Anche di questo è fatto

  1. Dario Predonzan
    3 luglio 2016

    Che tenerezza – difficile e venata di qualche tormento, forse – in quella dedica. Capisco benissimo come tu ne sia rimasta abbia DOVUTO prendere quel libro. E penso che tu l’abbia fatto tuttavia – sbaglio? – con un velo di imbarazzo, perché si tratta pur sempre di un’incursione “illegittima” nei sentimenti altrui. Persone che svelano in quelle poche righe la propria fragilità, e forse qualche rimpianto e dolore, di fronte ai quali ci si sente spesso importuni e sgraditi osservatori … ma la scrittrice non può fare a meno, credo, di restare affascinata da questi imprevisti, momentanei scorci nell’intimità di persone sconosciute. Né può resistere all’impulso di immaginarne l’origine, gli sviluppi, il destino.

    • Luisella Pacco
      3 luglio 2016

      Mi hai compresa perfettamente.

  2. rivelazione18
    3 luglio 2016

    commovente assai. anch’io compro spessissimo libri usati e mi soffermo sempre se c’è una dedica. c’è tanta vita nei libri usati. a volte anche morte. ma è solo l’altra faccia della medaglia… grazie,

    maria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 3 luglio 2016 da in SEGNALAZIONI.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Contatti

luisellapacco@yahoo.it

©LuisellaPacco

I testi e le fotografie presenti su questo blog non possono essere utilizzati senza il mio consenso. Grazie.

Visite

  • 47,921 visite

Autori e Traduttori

Aceto Alinei Amodeo Anderson Aprea Avirović Badalucco Bajc Balfe Bassani Battiston Bayard Benni Biamonti Biancheri Bianciardi Bioy-Casares Bo Boer Bonetta Boraschi Bordon Bowen Boye Brontë Bruno Bruscella Buratto Burton Buzzati Cafari Panìco Calda Calderòn Calvino Calzecchi Onesti Cantori Capa Carlotto Carver Cassola Chiereghin Cibotto Clerici Comida Covacich Crispino Cunningham Custerlina d'Erme Damiani DeBenedetti De Lillo dell'Orto Della Rocca De Lucia Dendi De Vecchi DiGregoli Di Leo Doel Doyle Dreiser Duranti Dviri Egidi Eugenides Falkenland Ferrante Ferrero Fiandra Foer Franzen Franzoso Fraulini Gallico Gariglio Garlaschelli Gibbons Ginzburg Giotti Giust Goodman Granato Grignani Grisancich Grossman Guadalupi Hanff Haslett Haushofer Hempel Homes Hopper Hortis Jackson Jenkins Jergović Joyce Kafka Klay Kondo Kristof Labbucci Lacquaniti Lahiri Lasdun Laurenzi Leone Lerner Letizia Lever Lodoli Loewenthal Longo Lovecraft Lubrano Luccio Marchesani Marcoaldi Mariniello Marquez Marsi Martelli Masini Mastro Pulce Maugham Maupassant Mauriac Mazzoli Mc Carthy Means Miele Montale Morandini Morante Moretti Morpurgo Mutis Mélaouah Nadotti Nothomb Oates Oddera Oldani Oneto Ongaro Ordine Otsuka Oz Pagan Pahor Pareschi Parmeggiani Pasolini Pavese Pazzi Penco Pennac Percy Perec Perlain Perroni Piccinini Piccolo Piovene Pittoni Popa Premoli Prenz Princis Pàramo Quarantotti Gambini Ravizzotti Raza Renko Ricci Riccioli Rigutti Rivero Roscia Rosignano Rumiz Saba Sacher Salgari Salvatorelli Santese Selasi Semprun Senardi Shomroni Sidoti Silone Simenon Slataper Smith Solomon Sontag Spirito Stephens Swift Szymborska Talon Tišma Todisco Togneri Toole Urdih-Merkù Valera Venturi Vercors Vida Villalta Visintin Vitali Norsa Vogelmann Wadia Wenders Wiesel Woolf Wulz Würth Yates Yehoshua Zamjàtin Zetto Cassano Zeuli
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: