NASCONDERE QUALCOSA

"Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto" (Calvino)

MATERIA di Lidia Boševski e MOTEL STORY di Maurizio Melozzi

Non è la prima volta che visito con gran piacere una mostra allestita presso la galleria EContemporary di Elena Cantori. E spesso poi mi capita di scriverne un commento qui.

Il perché non mi è del tutto chiaro, visto che il mio blog non si occupa né di pittura né di fotografia né di scultura…
Eppure in qualche modo, ogni volta sento che ciò che ho visto, negli ambienti chiari e accoglienti di quella sala, mi riguarda e mi tocca, e che potrebbe essere spunto per ciò che invece tratto di solito: ovvero parole, racconti, poesia.

Stavolta, a darmi questa sensazione è la personale di Lidia Boševski, ceramista di fama internazionale, che ama osservare e ricreare forme texture e colori della Natura.

“Materia” si chiama la mostra. Titolo perfetto.
Materia mater, madre. Materia come ciò che è semplice e ruvido e solido e antico.
Ogni oggetto (vasi, lampade, complementi d’arredo) – pur frutto di un lavoro certosino e di infinita amorevole pazienza – sembra uscito così dal buio vergine di una grotta o dalle profondità inesplorate del mare, da un rifugio nella notte, da fuochi antichi verso cui tendemmo le mani per riscaldarci.
Luoghi e gesti che abbiamo dimenticato e che pure ci appartenevano, e che portiamo ancora, inconsapevoli, nelle vene.
Sono opere dalla vibrazione sensuale e necessaria, come tutto ciò che è vero, ciò che si soppesa, si stringe.
Sono spazi concavi (vasi e contenitori) che possono ospitare un fiore o l’anima; spazi che per la loro struttura imperfetta spugnosa e materna, mi fanno pensare ad un grembo, ad un utero dalle pareti irregolari misteriose e feconde.

Non stupisce quindi che l’altra mostra, che attualmente accompagna quella di Lidia Boševski, si sposi così bene con la prima. Perché sempre di energia femminile si tratta: è “Motel Story” di Maurizio Melozzi.

Fotografo prevalentemente ritrattista che opera nel mondo della moda, in occasione della terza edizione di Fotonotte, Melozzi presenta qui una decina di scatti in bianco e nero, nudi di donna dall’erotismo elegante e glamour.

Ed ecco alcune foto scattate da me:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Luisella Pacco

Econtemporary
Via Crispi, 28
Trieste
(dal giovedì alla domenica dalle 17 alle 20)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 novembre 2015 da in SEGNALAZIONI.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Contatti

luisellapacco@yahoo.it

©LuisellaPacco

I testi e le fotografie presenti su questo blog non possono essere utilizzati senza il mio consenso. Grazie.

Visite

  • 41,541 visite
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: