NASCONDERE QUALCOSA

"Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto" (Calvino)

Giugno 2014: LA GIORNATA D’UNO SCRUTATORE di Italo Calvino

A chi gli chiedeva se La giornata d’uno scrutatore (1963) fosse un libro di svolta rispetto ai precedenti (le storie fantasiose come Il visconte dimezzato, Il barone rampante, Il cavaliere inesistente), Italo Calvino rispondeva di no: il suo lavoro di rappresentazione della realtà era già iniziato con La speculazione edilizia del 1957 e con La nuvola di smog del 1958. Aveva in animo di realizzare una serie di racconti sull’epoca di trapasso e trasformazione che erano gli anni ’50. La giornata d’uno scrutatore era uno di questi.
“Ogni storia nasce da una specie di groppo lirico-morale che si forma a poco a poco, e matura e s’impone. […] è un elemento che bisogna che si formi da sé; le intenzioni e la volontà contano poco”.
Il groppo di questo libro, in effetti, ci aveva messo un bel po’ a formarsi. Pur trattandosi di un racconto non lungo in cui non accadono che pochi fatti, Calvino aveva dovuto portarselo dentro a lungo prima di trovare la chiave.

La giornata d'uno scrutatore di Italo Calvino 2011, Oscar Mondadori  € 9,00  XLV-83 p.

La giornata d’uno scrutatore
di Italo Calvino
2011, Oscar Mondadori
€ 9,00
XLV-83 p.

La prima idea gli viene nel 1953, quando è candidato del Partito Comunista e in questa veste fa il giro dei seggi. Gli capita così, nella sezione del Cottolengo di Torino, di assistere a una discussione tra democristiani e comunisti che somiglia a quella riportata nel libro. Non ce la fa però a scrivere un’intera storia: è rimasto nella struttura solo per pochi minuti, gli occorrono più informazioni, immagini più vivide.

L’occasione per farsi nominare scrutatore al Cottolengo arriva con le amministrative del 1961. Vi trascorre due giorni. Ma nemmeno adesso riesce a scrivere: se prima mancavano le sensazioni, adesso ce ne sono fin troppe, incisive da fare male.
“Le immagini che avevo negli occhi, di infelici senza capacità di intendere, né di parlare né di muoversi, per i quali si allestiva la commedia di un voto delegato attraverso il prete o la monaca, erano così infernali che avrebbero potuto ispirarmi solo un pamphlet violentissimo, un manifesto antidemocristiano, un seguito di anatemi contro un partito il cui potere si sostiene su voti ottenuti in questo modo”.
Calvino deve attendere che l’emozione e la rabbia si stemperino e lascino spazio a lucidità e riflessione. E nel 1963 dà finalmente alle stampe questo breve racconto, ambientato durante le consultazioni del 1953.
Il comunista Amerigo Ormea, nominato scrutatore al Cottolengo, si avvia di mattina presto, le strade vuote, a fare il suo dovere. La sezione è allestita in quello che in altri giorni è un parlatorio e a lui sembra di udire il sussurro dei dialoghi gravi, infarciti di silenzio, tra parenti e ricoverati. Le alte finestre danno su un cortile un po’ da caserma.
In un primo momento Amerigo è pieno di speranza, commosso davanti alle semplici suppellettili che trasformano qualsiasi luogo in uno strumento di democrazia: quei paraventi di legno piallato senza vernice, che fanno da cabina; quella cassa di legno pure grezzo che è l’urna; quel materiale (i registri, i sacchi di schede, le matite, le penne a sfera, un bastone di ceralacca […]).
Prima che entrino i primi votanti, c’è un momento, quando quelli del seggio sono soli, e stanno lì a contare le matite, un momento che ci si sente stringere il cuore.
È bello, pensa Amerigo, che la giovane democrazia si presenti ai cittadini sotto queste spoglie dimesse, grigie, disadorne; tutto ciò pare sublime, una rivincita silenziosa e modesta, leale e pulita, sui fasti e sulla pompa fascista.
Ma i votanti cominciano a sfilare: più o meno idioti, più o meno incapaci di esprimere una qualsiasi volontà. Sono eccitati, festosi, impacciati, impreparati a recitare una parte di protagonisti, a mostrarsi, persino ad avere un nome. Entrano inconsapevoli di quanto stanno facendo: devono solo fare una crocetta nel modo e nel posto che è stato loro indicato, da bravi.
Le suorine dal canto loro hanno l’ossessione delle schede macchiate, escono dalla cabina protestando (Me la cambi!) e a nulla serve dire che la carta è d’una pasta granulosa, piena d’impurità, e che una macchiolina non vuol dir nulla, non farà invalidare il voto. Amerigo le osserva, e si chiede che cosa mai abbiano potuto dir loro per spaventarle così (la vittoria comunista incombente per un solo voto perduto?).
Un bagliore di guerra di religione investiva il seggio per un momento, poi si spegneva in nulla: e il disbrigo delle operazioni riprendeva il suo corso normale, sonnacchioso…

Sconvolgente e penoso è il compito di andar per le corsie a raccogliere il voto di chi non può muoversi. Infelici il cui volto tumido emerge confusamente dalle lenzuola. Ragazzi dall’enorme testa rapata, la bocca maldentata, aperta d’uno sghignazzare che poteva essere anche un piangere, legati ad un seggiolone, la padella di sotto ormai traboccante.
Dinnanzi al prete e alla madre superiora lì pronti a prender la matita per votare in vece del primo poveretto sulla lista (Qui c’è il certificato – disse il prete – impedimento motorio agli arti), Amerigo protesta.
Basta con questa commedia. Non può esprimere la sua volontà, cioè non può votare. È chiaro? Un po’ più di rispetto. Non c’è bisogno di far altre parole.
(Voleva dire “un po’ più di rispetto” verso le elezioni o “un po’ più di rispetto” verso la carne che soffre? Non lo specificò.)

In questo luogo di assurdo dolore, Amerigo riflette su cosa sia l’uomo: fino a che punto si è uomini, quando si smette di esserlo?

Costernato, senza risposte, mentre guarda donne nane passare per il cortile spingendo una carriola, e un’altra, gigantessa, passare di là e spingere a sua volta (e rise e tutte risero), Amerigo pensa che anche l’ultima città dell’imperfezione ha la sua ora perfetta, […] l’ora, l’attimo, in cui in ogni città c’è la Città.

Luisella Pacco

 

Annunci

2 commenti su “Giugno 2014: LA GIORNATA D’UNO SCRUTATORE di Italo Calvino

  1. Dario Predonzan
    31 maggio 2014

    Una domanda mi sorge spontanea: per chi mai voteranno, oggi, in vece altrui, le suorine ed i preti del Cottolengo?

    • luisellapacco
      31 maggio 2014

      Chi lo sa…
      Tuttavia non voglio in alcun modo parlare del Cottolengo di oggi, di cui non so niente e che probabilmente presenta delle condizioni (umane, igieniche…) molto diverse da quelle terribili viste da Calvino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31 maggio 2014 da in KONRAD Recensioni 2014 con tag .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Contatti

luisellapacco@yahoo.it

©LuisellaPacco

I testi e le fotografie presenti su questo blog non possono essere utilizzati senza il mio consenso. Grazie.

Visite

  • 47,921 visite

Autori e Traduttori

Aceto Alinei Amodeo Anderson Aprea Avirović Badalucco Bajc Balfe Bassani Battiston Bayard Benni Biamonti Biancheri Bianciardi Bioy-Casares Bo Boer Bonetta Boraschi Bordon Bowen Boye Brontë Bruno Bruscella Buratto Burton Buzzati Cafari Panìco Calda Calderòn Calvino Calzecchi Onesti Cantori Capa Carlotto Carver Cassola Chiereghin Cibotto Clerici Comida Covacich Crispino Cunningham Custerlina d'Erme Damiani DeBenedetti De Lillo dell'Orto Della Rocca De Lucia Dendi De Vecchi DiGregoli Di Leo Doel Doyle Dreiser Duranti Dviri Egidi Eugenides Falkenland Ferrante Ferrero Fiandra Foer Franzen Franzoso Fraulini Gallico Gariglio Garlaschelli Gibbons Ginzburg Giotti Giust Goodman Granato Grignani Grisancich Grossman Guadalupi Hanff Haslett Haushofer Hempel Homes Hopper Hortis Jackson Jenkins Jergović Joyce Kafka Klay Kondo Kristof Labbucci Lacquaniti Lahiri Lasdun Laurenzi Leone Lerner Letizia Lever Lodoli Loewenthal Longo Lovecraft Lubrano Luccio Marchesani Marcoaldi Mariniello Marquez Marsi Martelli Masini Mastro Pulce Maugham Maupassant Mauriac Mazzoli Mc Carthy Means Miele Montale Morandini Morante Moretti Morpurgo Mutis Mélaouah Nadotti Nothomb Oates Oddera Oldani Oneto Ongaro Ordine Otsuka Oz Pagan Pahor Pareschi Parmeggiani Pasolini Pavese Pazzi Penco Pennac Percy Perec Perlain Perroni Piccinini Piccolo Piovene Pittoni Popa Premoli Prenz Princis Pàramo Quarantotti Gambini Ravizzotti Raza Renko Ricci Riccioli Rigutti Rivero Roscia Rosignano Rumiz Saba Sacher Salgari Salvatorelli Santese Selasi Semprun Senardi Shomroni Sidoti Silone Simenon Slataper Smith Solomon Sontag Spirito Stephens Swift Szymborska Talon Tišma Todisco Togneri Toole Urdih-Merkù Valera Venturi Vercors Vida Villalta Visintin Vitali Norsa Vogelmann Wadia Wenders Wiesel Woolf Wulz Würth Yates Yehoshua Zamjàtin Zetto Cassano Zeuli
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: