NASCONDERE QUALCOSA

"Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto" (Calvino)

Dicembre 2013 – Gennaio 2014: LO STESSO MARE di Amos Oz

Lo stesso mare  di Amos Oz 2002, Feltrinelli (collana Universale Economica)  € 8,00  236 pagine Traduzione di Elena Loewenthal

Lo stesso mare di Amos Oz, 2002, Feltrinelli (collana Universale Economica), € 8,00, 236 pagine, traduzione di Elena Loewenthal

Non lontano dal mare, in via Amirim, vive da solo un certo signor Albert Danon. Adora le olive e i formaggi salati. È un uomo gentile, di mestiere ragioniere. Qualche tempo fa – era mattina – un cancro alle ovaie si è portato via sua moglie Nadia. Ma ne ha lasciato i vestiti, una toeletta, tovagliette finemente ricamate. L’unico loro figlio, Enrico David, è andato a salire la china in Tibet.

Inizia così, questo libro (uno dei molti e bellissimi) dello scrittore israeliano Amos Oz, con alcune parole che dicono la semplicità del quotidiano e la semplicità della morte. Non potrebbe essere diversamente: non è fatta forse così, la vita? Di indirizzi, nomi, sapori buoni, malattie, cose che restano, persone che se ne vanno?

È un libro ormai datato (pubblicato nel 1999 e giunto in Italia nel 2000 nella bella traduzione di Elena Loewenthal), ma io non smetto mai di parlarne e di consigliarlo, di averlo spesso con me, di farmi accompagnare appesa al suo braccio. Non riesco a sistemarlo definitivamente nello scaffale che gli spetterebbe. Fa parte di quel piccolo gruppo di libri vagabondi, da comodino, da borsetta, da attese, da veglia improvvisa nella notte. Ha ancora molto da dirmi, lo so.

Non è un vero e proprio romanzo (e non saprei dire cos’è), privo com’è di una trama forte o uno sviluppo evidenti, intriso di spazi bianchi, curve di tempo, sospensioni, sfumature che non diventano nulla di più, particolari che non appartengono ad alcun generale, dettagli sparsi come semi su una buona terra. Spezzato in capitoletti, tondi chiusi e sonori come conchiglie (ciascuno con un titolo). Ecco il modo per leggerlo: posarseli all’orecchio e restare in ascolto.

Una storia c’è, certo, minima ma c’è. Non ve la svelo. Vi dico però che per intuirla ci vorranno fatica, pazienza, compartecipazione al lavoro di Oz. Occorre silenzio, occorre fede. La disponibilità a credere che un altro orizzonte narrativo sia possibile. La voce narrante cambia di momento in momento, non si sa chi stia parlando e di che cosa; si passa dal presente al passato in un gioco continuo di flashback; la prosa si scioglie in poesia e viceversa; pagine svuotate e pagine fitte rendono sconnesso il cammino; monologhi e dialoghi si somigliano, la realtà è simile al sogno, la corrispondenza viaggiata si mischia a lettere soltanto immaginate… Ce n’è abbastanza per irritare il lettore pigro. Ce n’è abbastanza per far innamorare il lettore vero, che ritroverà un po’ di se stesso, specchiandosi con pudore in una frase, un’immagine.

Io ho trovato la mia. Molto tempo fa, la tenevo appesa su una parete alle mie spalle, perché mi pareva che più di ogni altra potesse svelare chi ero senza bisogno di tante chiacchiere. Il capitolo si intitola Dove sono e dice così:

Come mai non ti si vede mai in giro, gli dicono, perché te ne stai sepolto lì in quel buco, dicono, niente amici niente feste niente svaghi niente piaceri, e dai esci, vedi un po’ di gente, rispondi all’appello, manda almeno qualche segno di vita.

E come, dice lui, s’alza alle cinque del mattino, beve una tazza di caffè, cancella e scrive sei o sette righe e il giorno già muore –

la sera cala a cancellare.

 Luisella Pacco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 dicembre 2013 da in KONRAD Recensioni 2013 con tag , .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Contatti

luisellapacco@yahoo.it

©LuisellaPacco

I testi e le fotografie presenti su questo blog non possono essere utilizzati senza il mio consenso. Grazie.

Visite

  • 47,921 visite

Autori e Traduttori

Aceto Alinei Amodeo Anderson Aprea Avirović Badalucco Bajc Balfe Bassani Battiston Bayard Benni Biamonti Biancheri Bianciardi Bioy-Casares Bo Boer Bonetta Boraschi Bordon Bowen Boye Brontë Bruno Bruscella Buratto Burton Buzzati Cafari Panìco Calda Calderòn Calvino Calzecchi Onesti Cantori Capa Carlotto Carver Cassola Chiereghin Cibotto Clerici Comida Covacich Crispino Cunningham Custerlina d'Erme Damiani DeBenedetti De Lillo dell'Orto Della Rocca De Lucia Dendi De Vecchi DiGregoli Di Leo Doel Doyle Dreiser Duranti Dviri Egidi Eugenides Falkenland Ferrante Ferrero Fiandra Foer Franzen Franzoso Fraulini Gallico Gariglio Garlaschelli Gibbons Ginzburg Giotti Giust Goodman Granato Grignani Grisancich Grossman Guadalupi Hanff Haslett Haushofer Hempel Homes Hopper Hortis Jackson Jenkins Jergović Joyce Kafka Klay Kondo Kristof Labbucci Lacquaniti Lahiri Lasdun Laurenzi Leone Lerner Letizia Lever Lodoli Loewenthal Longo Lovecraft Lubrano Luccio Marchesani Marcoaldi Mariniello Marquez Marsi Martelli Masini Mastro Pulce Maugham Maupassant Mauriac Mazzoli Mc Carthy Means Miele Montale Morandini Morante Moretti Morpurgo Mutis Mélaouah Nadotti Nothomb Oates Oddera Oldani Oneto Ongaro Ordine Otsuka Oz Pagan Pahor Pareschi Parmeggiani Pasolini Pavese Pazzi Penco Pennac Percy Perec Perlain Perroni Piccinini Piccolo Piovene Pittoni Popa Premoli Prenz Princis Pàramo Quarantotti Gambini Ravizzotti Raza Renko Ricci Riccioli Rigutti Rivero Roscia Rosignano Rumiz Saba Sacher Salgari Salvatorelli Santese Selasi Semprun Senardi Shomroni Sidoti Silone Simenon Slataper Smith Solomon Sontag Spirito Stephens Swift Szymborska Talon Tišma Todisco Togneri Toole Urdih-Merkù Valera Venturi Vercors Vida Villalta Visintin Vitali Norsa Vogelmann Wadia Wenders Wiesel Woolf Wulz Würth Yates Yehoshua Zamjàtin Zetto Cassano Zeuli
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: