NASCONDERE QUALCOSA

"Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto" (Calvino)

Marzo 2011 COME DIVENTARE ITALIANI IN 24 ORE di Laila Wadia

Laila Wadia “Come diventare italiani in 24 ore” 2010, Editore Barbera collana Radio Londra

Di questa scrittrice indiana, ma triestina d’adozione, ho già scritto qualche mese fa (per il suo romanzo Amiche per la pelle). Anche per quest’ultimo libro, uscito lo scorso novembre, vale il medesimo discorso fatto allora: Laila Wadia ci fa riflettere su molti temi importanti, sì, ma in maniera sempre leggera, ironica, gioiosa. Con Laila si sorride sempre.

La protagonista di Come diventare italiani in 24 ore è una studentessa indiana (Laila stessa?) che arriva in Italia e si trova a dover battagliare con una lingua che è ricchissima difficile e buffa, e con le abitudini di un popolo (ammettiamolo, ahi noi) abbastanza eccentrico…

Arrivai a Roma all’età di ventun’anni con una valigia piena di vestiti fuori moda e due certezze: che mi avrebbero rubato il portafoglio e pizzicato il sedere. […] Con mio grande stupore, non successe né l’una né l’altra cosa, e non vi so dire quale delle due ferì di più il mio amor proprio. Cosa non era imbottito a sufficienza da risultare irresistibile, il portafoglio o il mio sedere indiano?

Inizia così il resoconto che ci permette di seguire la giovane indiana nella sua scoperta dell’Italia e un po’ nella scoperta di sé. Integrarsi in un paese straniero, infatti, è come rinascere, sperimentare nuovi modi di essere vivi.

Alla nostra protagonista l’energia non manca, la curiosità nemmeno. Instancabile e acuta osservatrice, la ragazza persegue con determinazione ferrea il suo obiettivo: alzare il proprio QI.

No no, non il quoziente d’intelligenza… Bensì, il quoziente d’italianità!

Il suo diario è un delizioso resoconto di incontri, sorprese, frustrazioni e successi. E per far dono della ventennale esperienza ad altri “alieni” che sbarcano oggi in Italia, Laila Wadia, nella seconda parte del libro, riassume tutti i trucchi per diventare italiani presto e bene.

Come si rilassano gli italiani, come si truccano le italiane, come fanno colazione, come guidano, come leggono i giornali, come fanno la spesa, come si vestono, come fanno le valigie, come gesticolano, eccetera eccetera…

Una guida utile per gli stranieri che tentano di capirci nelle nostre stravaganze. E uno specchio (spietatamente fedele) per i lettori italiani che riconosceranno tutte, e dico tutte!, le caratteristiche che Laila ci attribuisce. Chi ha autoironia, ne riderà di gusto. Chi non ne ha, sarà travolto dalla vergogna di sapersi così strambo, e si metterà a scrivere un altro libro, Come smettere di essere italiani. Sarà sicuramente un successo!

Luisella Pacco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17 agosto 2012 da in KONRAD Recensioni 2011 con tag .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Contatti

luisellapacco@yahoo.it

©LuisellaPacco

I testi e le fotografie presenti su questo blog non possono essere utilizzati senza il mio consenso. Grazie.

Visite

  • 47,921 visite

Autori e Traduttori

Aceto Alinei Amodeo Anderson Aprea Avirović Badalucco Bajc Balfe Bassani Battiston Bayard Benni Biamonti Biancheri Bianciardi Bioy-Casares Bo Boer Bonetta Boraschi Bordon Bowen Boye Brontë Bruno Bruscella Buratto Burton Buzzati Cafari Panìco Calda Calderòn Calvino Calzecchi Onesti Cantori Capa Carlotto Carver Cassola Chiereghin Cibotto Clerici Comida Covacich Crispino Cunningham Custerlina d'Erme Damiani DeBenedetti De Lillo dell'Orto Della Rocca De Lucia Dendi De Vecchi DiGregoli Di Leo Doel Doyle Dreiser Duranti Dviri Egidi Eugenides Falkenland Ferrante Ferrero Fiandra Foer Franzen Franzoso Fraulini Gallico Gariglio Garlaschelli Gibbons Ginzburg Giotti Giust Goodman Granato Grignani Grisancich Grossman Guadalupi Hanff Haslett Haushofer Hempel Homes Hopper Hortis Jackson Jenkins Jergović Joyce Kafka Klay Kondo Kristof Labbucci Lacquaniti Lahiri Lasdun Laurenzi Leone Lerner Letizia Lever Lodoli Loewenthal Longo Lovecraft Lubrano Luccio Marchesani Marcoaldi Mariniello Marquez Marsi Martelli Masini Mastro Pulce Maugham Maupassant Mauriac Mazzoli Mc Carthy Means Miele Montale Morandini Morante Moretti Morpurgo Mutis Mélaouah Nadotti Nothomb Oates Oddera Oldani Oneto Ongaro Ordine Otsuka Oz Pagan Pahor Pareschi Parmeggiani Pasolini Pavese Pazzi Penco Pennac Percy Perec Perlain Perroni Piccinini Piccolo Piovene Pittoni Popa Premoli Prenz Princis Pàramo Quarantotti Gambini Ravizzotti Raza Renko Ricci Riccioli Rigutti Rivero Roscia Rosignano Rumiz Saba Sacher Salgari Salvatorelli Santese Selasi Semprun Senardi Shomroni Sidoti Silone Simenon Slataper Smith Solomon Sontag Spirito Stephens Swift Szymborska Talon Tišma Todisco Togneri Toole Urdih-Merkù Valera Venturi Vercors Vida Villalta Visintin Vitali Norsa Vogelmann Wadia Wenders Wiesel Woolf Wulz Würth Yates Yehoshua Zamjàtin Zetto Cassano Zeuli
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: