NASCONDERE QUALCOSA

"Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto" (Calvino)

Marzo 2011 BOSNIA EXPRESS di Luca Leone

Leone Luca “Bosnia Express. Politica, religione, nazionalismo e povertà in quel che resta della porta d’Oriente” 2010, Infinito edizioni

Dei conflitti, si parla. Di ciò che viene dopo, no.

La pace non fa notizia, non commuove, non tocca. Sulle strade distrutte, come sulle anime devastate, cala l’indifferenza. Quanti di noi sanno cosa sia la Bosnia oggi, a tre lustri dalla guerra?

Luca Leone – saggista e giornalista di quelli veri, che vanno sul campo a vedere e a soffrire, che si sporcano le mani, che rinunciano agli alberghi per dormire sotto un cielo malato, che parlano con le persone comuni guardandole negli occhi – ci dice le cose non dette di tutti questi anni, ci illumina di verità tristissime. Ci dà uno schiaffo.

La Bosnia – scrive Leone, con immenso amore e una vena di poesia (lo stesso amore e la stessa poesia che conosciamo in Rumiz) – è religiosa e puttana, giovane e antica, libera e incatenata, ricca fin’allo stordimento e povera fin’allo sgomento, limpida e impenetrabile. È femmina e bella, ferita nel profondo e piagata, in tutto e per tutto violentata.

Dopo quindici anni, la Bosnia è un piatto in cui tutti hanno messo la forchetta, fregandosene delle conseguenze. È un paese in cui c’è sempre qualcosa che non quadra. Ascoltando la gente, il musicista, l’avvocato, l’agente immobiliare, l’ingegnere, Leone indaga sulla Bosnia oggi, sulle sue incongruenze, sulle sue corruzioni, sulle sue improbabili prospettive.

La Bosnia non ha prospettive. Tutti sperano che non sia così ma ogni bosniaco – e sopra tutti i più giovani – sanno che purtroppo questa è la realtà. Il destino della Bosnia giace nella mani e nelle mire di coloro che ne gestiscono le risorse. La Bosnia è un paese che fa gola, è un business mondiale sotto moltissimi aspetti.

Ha una invidiabile posizione geografica, strategica dal punto geopolitico, e le risorse sono imponenti. C’è carbone, bauxite, zinco, e… petrolio. Per decine di miliardi di euro di valore.

Il paese possiede anche un immenso patrimonio boschivo che produce legname di primissime qualità.  Leone ha visitato personalmente a Visoko una fabbrica in cui vengono assemblati mobili e pianali per cucine, importati da aziende italiane (e la cucina poi sarà, chissà come mai, made in Italy...)

Ma il territorio viene aggredito, il rimboschimento è insufficiente, e tra qualche anno il deturpamento sarà evidente. Paradossalmente, se una parte delle bellezze naturalistiche si salverà, sarà “per merito” delle mine… Per sminare il territorio occorrono soldi e sminatori che oggi non ci sono.

L’acqua è l’altra importantissima ricchezza bosniaca. Risorse immense che sistematicamente vengono svendute a società estere che imbottigliano o utilizzano l’acqua per produrre bevande commerciali. Non società qualsiasi…  Parliamo di Nestlè o di CocaCola.

Ma la risorsa davvero più importante della Bosnia – e quella più sprecata – è costituita dalle persone. La società civile ha perduto il senso della libertà, dell’espressione del pensiero. Ha perduto la speranza. Ha girato le spalle a se stessa, e al futuro.

Luca Leone, con questo ottimo lavoro carico di sdegno e di passione, fa la sua parte nel difendere un paese e un popolo che meriterebbero, davvero e finalmente, un destino migliore.

Luisella Pacco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17 agosto 2012 da in KONRAD Recensioni 2011 con tag .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Contatti

luisellapacco@yahoo.it

©LuisellaPacco

I testi e le fotografie presenti su questo blog non possono essere utilizzati senza il mio consenso. Grazie.

Visite

  • 47,921 visite

Autori e Traduttori

Aceto Alinei Amodeo Anderson Aprea Avirović Badalucco Bajc Balfe Bassani Battiston Bayard Benni Biamonti Biancheri Bianciardi Bioy-Casares Bo Boer Bonetta Boraschi Bordon Bowen Boye Brontë Bruno Bruscella Buratto Burton Buzzati Cafari Panìco Calda Calderòn Calvino Calzecchi Onesti Cantori Capa Carlotto Carver Cassola Chiereghin Cibotto Clerici Comida Covacich Crispino Cunningham Custerlina d'Erme Damiani DeBenedetti De Lillo dell'Orto Della Rocca De Lucia Dendi De Vecchi DiGregoli Di Leo Doel Doyle Dreiser Duranti Dviri Egidi Eugenides Falkenland Ferrante Ferrero Fiandra Foer Franzen Franzoso Fraulini Gallico Gariglio Garlaschelli Gibbons Ginzburg Giotti Giust Goodman Granato Grignani Grisancich Grossman Guadalupi Hanff Haslett Haushofer Hempel Homes Hopper Hortis Jackson Jenkins Jergović Joyce Kafka Klay Kondo Kristof Labbucci Lacquaniti Lahiri Lasdun Laurenzi Leone Lerner Letizia Lever Lodoli Loewenthal Longo Lovecraft Lubrano Luccio Marchesani Marcoaldi Mariniello Marquez Marsi Martelli Masini Mastro Pulce Maugham Maupassant Mauriac Mazzoli Mc Carthy Means Miele Montale Morandini Morante Moretti Morpurgo Mutis Mélaouah Nadotti Nothomb Oates Oddera Oldani Oneto Ongaro Ordine Otsuka Oz Pagan Pahor Pareschi Parmeggiani Pasolini Pavese Pazzi Penco Pennac Percy Perec Perlain Perroni Piccinini Piccolo Piovene Pittoni Popa Premoli Prenz Princis Pàramo Quarantotti Gambini Ravizzotti Raza Renko Ricci Riccioli Rigutti Rivero Roscia Rosignano Rumiz Saba Sacher Salgari Salvatorelli Santese Selasi Semprun Senardi Shomroni Sidoti Silone Simenon Slataper Smith Solomon Sontag Spirito Stephens Swift Szymborska Talon Tišma Todisco Togneri Toole Urdih-Merkù Valera Venturi Vercors Vida Villalta Visintin Vitali Norsa Vogelmann Wadia Wenders Wiesel Woolf Wulz Würth Yates Yehoshua Zamjàtin Zetto Cassano Zeuli
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: