NASCONDERE QUALCOSA

"Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto" (Calvino)

Febbraio 2008 LA VERSIONE SPAGNOLA di Alberto Ongaro

Alberto Ongaro “La versione spagnola” 2007, Piemme

È un ordinario, accidioso lunedì mattina, quando Massimo Senise, scrittore un po’ in crisi ma già affermato e tradotto nel mondo, ancora in pigiama apre la porta per ricevere un pacco. Arriva da Madrid e contiene dieci copie della versione spagnola del suo ultimo romanzo.

Lo scrittore si immerge nella lettura – può farlo, conosce lo spagnolo – per gustare e verificare come sia stato reso il suo lavoro nell’altra lingua.

Ma succede qualcosa di inaspettato.

La traduttrice, tale Magdalena, si è permessa una libertà che un traduttore non dovrebbe permettersi mai. Ha cambiato le carte in tavola, ha aggiunto un personaggio, Marta, una ragazza che caminaba en la orilla triste y sin peso como una sombra.

Da dove esce questa Marta? E chi mai l’ha scritta questa frase (che pure, ammette Senise, suona magnificamente)? Non lui, ne è certo.

Ma invece di sentirsi furioso come sarebbe lecito, è quasi sedotto dalla ragazza, da questo fantasma che camminando sulla battigia entra ed esce dal suo libro.

Proseguendo nella lettura, Senise si accorge di altre incongruenze che, parola dopo parola, sembrano comporre un messaggio finale a lui diretto: Marta muere por tu culpa.

Sicuramente non è un caso. E non può trattarsi di disattenzione o scarsa professionalità da parte della traduttrice che in tutto il resto del libro dimostra stile e competenza.

La sconosciuta Magdalena quindi gli sta muovendo consapevolmente una precisa accusa personale.

C’è una Marta che muore per colpa mia?” si chiede Massimo, ormai totalmente coinvolto da questo enigma e sinceramente preoccupato. E se sì, chi è? C’è mai stata una Marta nella sua vita, una donna che lui abbia fatto soffrire a tal punto da causarne la morte? E soprattutto, è già morta o gli resta del tempo per salvarla?

La versione spagnola – ultimo romanzo di Alberto Ongaro (nato a Venezia nel 1925, sceneggiatore giornalista e scrittore, una vita piena di avvenimenti, una fantasia larga e vorticosa) – a suo modo è un giallo. Ovvero, addensa un numero sufficiente di segreti per poter, come si dice, “inchiodare” (dolce crocefissione) il lettore fino all’ultima pagina.

Ma è anche altro: per risolvere il mistero occorre non soltanto (la mossa più ovvia e concreta) contattare la casa editrice spagnola, ma anche ripercorrere labirinti del passato e lasciar emergere dall’inconscio scene mai rielaborate, ricordi mai coltivati.

Ed è così che il romanzo diventa un libro sugli affetti, sulle paure, sulle nostalgie e le meraviglie che ci portiamo dietro, sepolte.

Senise – quest’uomo maturo e ormai poco ispirato dalla vita, tanto che probabilmente non scriverà più – decide di partire. Prima ancora che per la Spagna, dove poi volerà in cerca di Magdalena, parte per un pellegrinaggio tutto suo, dolce intimo difficile.

Viaggia in angolini d’Italia che gli sono appartenuti: va in montagna, nel luogo mai più visitato delle vacanze infantili, dorme in un letto che lo aveva ospitato bambino, si arrampica di notte su un albero su cui sono incisi vecchi nomi mai più pronunciati; e poi a Murano, dove cerca un giardino che ha cambiato dimensioni e proprietario.

In questo vagabondare, smarrisce (o ritrova?) se stesso in un gioco di rimandi, nodi disciolti, convergenze.

E in questo libro ce ne sono abbastanza, di convergenze, perché persino la sottoscritta sia rimasta sconcertata quanto il protagonista.

Nel romanzo appare due volte, anche se solo per un istante, una Pallotti Pacco, signorotta della ricca borghesia, pseudoscrittrice per colmare la noia da salotto: detestabile, a dire il vero, e non aspiro a somigliarle.

Tuttavia, io – che mi chiamo Pacco e ho conosciuto dei Pallotti (tra cui la figlia di nome… Maddalena) proprio in un luogo di vacanza simile a quello visitato da Senise nel suo viaggio a ritroso, e spesso ho scherzato sull’imprescindibile requisito di avere un doppio cognome come questo per far bella figura negli ambienti letterari di questa buffa città – ebbene, io sono rimasta senza fiato…

Chiedo scusa ai lettori di Konrad per questa parentesi tutta privata ma è suggestivo, efficace e in qualche maniera determinante, che si sia verificata questa coincidenza.

Perché proprio quello della coincidenza è un argomento carissimo ad Alberto Ongaro, insieme all’altro (altro? o sono forse due facce dello stesso mistero?): quello pirandelliano dei personaggi che prendono vita; o della persona che si scopre personaggio nelle mani di qualcun altro, con un senso di terrore e poesia insieme.

Temi che Ongaro ha già indagato, superbamente, nel suo libro più famoso, La taverna del Doge Loredan, e un po’ anche negli altri.

Un filo di domande che questo autore non smette mai di ricamare.

Ma ne La versione spagnola c’è una domanda in più, una riflessione sulla scrittura; anzi, sull’etica della scrittura.

Fermo restando che ogni romanziere è un ladro di vite altrui (concetto non nuovo), fino a dove può spingersi questo furto prima che qualcuno ne paghi le conseguenze?

 Luisella Pacco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17 agosto 2012 da in KONRAD Recensioni 2008 con tag .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Contatti

luisellapacco@yahoo.it

©LuisellaPacco

I testi e le fotografie presenti su questo blog non possono essere utilizzati senza il mio consenso. Grazie.

Visite

  • 47,848 visite

Autori e Traduttori

Aceto Alinei Amodeo Anderson Aprea Avirović Badalucco Bajc Balfe Bassani Battiston Bayard Benni Biamonti Biancheri Bianciardi Bioy-Casares Bo Boer Bonetta Boraschi Bordon Bowen Boye Brontë Bruno Bruscella Buratto Burton Buzzati Cafari Panìco Calda Calderòn Calvino Calzecchi Onesti Cantori Capa Carlotto Carver Cassola Chiereghin Cibotto Clerici Comida Covacich Crispino Cunningham Custerlina d'Erme Damiani DeBenedetti De Lillo dell'Orto Della Rocca De Lucia Dendi De Vecchi DiGregoli Di Leo Doel Doyle Dreiser Duranti Dviri Egidi Eugenides Falkenland Ferrante Ferrero Fiandra Foer Franzen Franzoso Fraulini Gallico Gariglio Garlaschelli Gibbons Ginzburg Giotti Giust Goodman Granato Grignani Grisancich Grossman Guadalupi Hanff Haslett Haushofer Hempel Homes Hopper Hortis Jackson Jenkins Jergović Joyce Kafka Klay Kondo Kristof Labbucci Lacquaniti Lahiri Lasdun Laurenzi Leone Lerner Letizia Lever Lodoli Loewenthal Longo Lovecraft Lubrano Luccio Marchesani Marcoaldi Mariniello Marquez Marsi Martelli Masini Mastro Pulce Maugham Maupassant Mauriac Mazzoli Mc Carthy Means Miele Montale Morandini Morante Moretti Morpurgo Mutis Mélaouah Nadotti Nothomb Oates Oddera Oldani Oneto Ongaro Ordine Otsuka Oz Pagan Pahor Pareschi Parmeggiani Pasolini Pavese Pazzi Penco Pennac Percy Perec Perlain Perroni Piccinini Piccolo Piovene Pittoni Popa Premoli Prenz Princis Pàramo Quarantotti Gambini Ravizzotti Raza Renko Ricci Riccioli Rigutti Rivero Roscia Rosignano Rumiz Saba Sacher Salgari Salvatorelli Santese Selasi Semprun Senardi Shomroni Sidoti Silone Simenon Slataper Smith Solomon Sontag Spirito Stephens Swift Szymborska Talon Tišma Todisco Togneri Toole Urdih-Merkù Valera Venturi Vercors Vida Villalta Visintin Vitali Norsa Vogelmann Wadia Wenders Wiesel Woolf Wulz Würth Yates Yehoshua Zamjàtin Zetto Cassano Zeuli
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: